Home Frammenti di Pace Roger Waters: una voce contro la guerra

Roger Waters: una voce contro la guerra

0
Roger Waters

Nei giorni dell’intervento militare anglo-franco-americano in Siria si è notato il silenzio degli intellettuali e degli artisti, normalmente assai sensibili alle istanze antimilitariste. 

Tra le poche eccezioni, Roger Waters. Durante un recente concerto in Spagna, lo storico fondatore e frontman dei Pink Floyd ha dichiarato: “Se credessimo alla propaganda, saremmo spinti ad incoraggiare i nostri governi a buttare bombe”, e ciò sarebbe “un errore di proporzioni monumentali per tutti noi come esseri umani”.

Ciò che dovrebbe fare ogni cittadino occidentale, secondo l’ex Pink Floyd, dovrebbe essere semplicemente convincere i governi “a non andare da nessuna parte e a non buttare bombe”.

Come molti musicisti della sua generazione, Waters è sempre stato un pacifista convinto, esprimendo a più riprese il suo pensiero nelle proprie canzoni. 

Nell’ultimo album da lui realizzato assieme ai Pink Floyd – “The Final Cut” (1983) – cantò un brano contro l’intervento militare britannico nelle Isole Falkland: “Not Now John”. Nella canzone da solista “Leaving Beirut”, Waters deplorava la guerra in Iraq, mentre nel 2009 prese parte alla marcia contro il muro di separazione tra Israele e Palestina.

L’antimilitarismo è un tema che sta particolarmente a cuore a Roger Waters, anche a causa della sua tragedia familiare. Il musicista infatti non ha mai conosciuto il padre, sottotenente della marina britannica, caduto nel secondo conflitto mondiale durante lo sbarco di Anzio.

Luca Marcolivio

www.frammentidipace.it