Home Frammenti di Pace “Angelo benedetto”, una poesia dedicata al piccolo Alfie Evans

“Angelo benedetto”, una poesia dedicata al piccolo Alfie Evans

0
una poesia dedicata al piccolo Alfie Evans

L’autore, per hobby, scrive rime in dialetto romanesco. Ha iniziato tre anni fa con piccoli componimenti poetici venati di polemica contro le scelte dei potenti. Oggi si firma con lo pseudonimo di “NeoPasquino”, richiamandosi alla tradizione della celebre “statua parlante” di Roma, dove il popolo, fra il XVI ed il XIX secolo, appendeva i suoi foglietti di satira.

Angelo benedetto

‘N angioletto in cielo è volato

tra le braccia de Dio ritornato

ha combattuto la sua battaja

contro ‘n monno fatto de paja 

Certo n’è sei uscito vincitore

a molti ha rianimato er core

le coscienze hai smosso

er viso tuo mo’ è impresso

‘Na lacrima me scenne piano

pe’ sto monno perso lontano

ma penso te davanti a Dio

libbero e felice ar cospetto suo

Mo’ fjo mio guarda in basso

parla a Lui, ce faccia cambià passo

perdona er male che t’hanno fatto

intercedi pe’ ogni core distrutto

Guarda papà e mamma fieri

de quello che hai mosso fino a ieri

guarda a chi pe’ te ha pregato

ricambiaje quer poco che t’ha dato

Ciao fjo mio ‘n giorno te darò ‘n saluto

e vorrà dì che in Paradiso sò ito

Sì, dije a Dio che semo solo nulla

lì Maria madre te farà nova culla

NeoPasquino

www.frammentidipace.it