Home Prima Pagina Sapienza, la Segre cita Primo Levi, lo studente accusato parla di precariato...

Sapienza, la Segre cita Primo Levi, lo studente accusato parla di precariato e condizione giovanile

277
0

Si è conclusa la cerimonia organizzata dalla Sapienza per l’inaugurazione dell’anno accademico, evento in cui è stato conferito alla senatrice a vita Liliana Segre il dottorato honoris causa in Storia dell’Europa.

“Capire, comprendere è impossibile ma conoscere è necessario. Dedico questo riconoscimento a mio padre, l’uomo più importante della mia via ucciso per la colpa di essere nato”
Queste le parole della Segre, che cita Primo Levi, il suo maestro, e ringrazia la sua famiglia.
“Permettetemi di ringraziare tutti ma in particolare gli studenti da nonna nei loro confronti e da loro ho ricevuto molto più di quanto abbia cercato di dare in questi 30 anni», ha detto Segre. «Ricordo quando lo scorso anno fui ricevuta dal presidente della Repubblica che mi chiese cosa avessi provato a entrare in Senato, risposi: ‘dentro di me anche se sono molto vecchia, sono sempre quella ragazzina espulsa dalla scuola per la colpa di essere nata ebrea e che oggi mi vede seduta in Senato in quella mia Italia dove sono nata e cresciuta con la mia famiglia – ha ricordato poi la senatrice – È cambiato l’aspetto e la coscienza che mi hanno vista colpevole d’essere nata e punita con i perché che non avranno mai risposta, con la consapevolezza che qui nel tempio della Sapienza mi fa ricordare il mio maestro Primo Levi che scrisse: capire comprendere è impossibile ma conoscere è necessario”.

Dopo di lei, nell’Aula Magna della Sapienza è entrato il Capo di Stato Sergio Mattarella, seguito da numerosi applausi dell’ateneo.

Dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla possibilità di intervento dello studente di destra Valerio Cerracchio, il ragazzo si è concentrato sulla precarietà e la sensazione di frustrazione dei giovani di oggi.
“La generazione dei giovani di oggi è la prima ad aver perso il diritto alla speranza nel futuro: per la prima volta abbiamo la certezza che, passati dal boom economico alla crisi, vivremo peggio dei nostri genitori a dispetto dell’evoluzione tecnologica che accompagna la nostra società.
Il motto della Sapienza è ‘Il futuro è passato quì e io credo che per essere incisivi nel futuro occorre essere consapevoli del proprio passato e vivere appieno il presente.

nche la sindaca Virgini Raggi è intervenuta, porgendo sentiti ringraziamenti e ricordando l’importanza di principi e valori di sana provenienza.
“Sono lieta di portare il saluto di Roma: è una giornata speciale per la città e l’ateneo. Alla senatrice rivolgo il nostro grazie per il coraggio, la sobrietà delle parole, perché le responsabilità non vanno dimenticate. Nuovi, troppi episodi di intolleranza colpiscono l’Europa e il nostro Paese. Oggi la sua presenza qui ha un valore ancora più forte. C’è nell’esperienza umana e civile della Segre un’insieme di principi e valori che parlano a tutti noi. Parlano di memoria e condivisione che sono il cuore della nostra Costituzione e che vivono nello Statuto di Roma Capitale”.