Home Cronaca Roma Romanina, fidanzamento Casamonica: irrompe clan rivale e scoppia il caos

Romanina, fidanzamento Casamonica: irrompe clan rivale e scoppia il caos

1109
0
Foto ANSA

Durante la giornata di ieri, un clan degli Spinelli ha letteralmente assaltato una villa del clan rivale dei Casamonica, mentre si stava celebrando un matrimonio.

A sposarsi sono due giovani, appartenenti alle due famiglie da sempre in contrasto. Una moderna storia alla Romeo e Giulietta che alla Romanina ha portato al raid criminale di un clan contro l’altro.


Sono da poco trascorse le dieci del mattino quando alla Romanina il gruppo degli Spinelli si scaglia contro una lussuosa villa in via Domenico Baccarini abitata da altri Casamonica uno dei quali, appunto, aveva osato portare all’interno l’amata che fa parte dell’altro clan. Ecco che i nomadi si presentano a bordo di un’auto usata come fosse un ariete. È sembrato di assistere ad un film, ma non c’era nessun ciak. L’auto a tutta velocità ha raso al suolo il portone con un boato che ha preoccupato i residenti. Un’azione che dimostra come questi clan, colpiti anche dall’accusa di mafia, riescano a spadroneggiare nella zona alla periferia sud-est di Roma. La prima fase dell’attacco riesce: la pesante cancellata viene giù. Poi i protagonisti del raid fanno a pezzi ogni oggetto che si trova sul prato all’inglese: vasi ed altre strutture. Sembra che siano riusciti a riprendere la ragazza. Poi il gruppo fugge. Sul posto è arrivata la polizia che ha già iniziato ad indagare. Si tratterebbe di soggetti noti alle forze dell’ordine che ora dovranno rispondere di danneggiamento e di minacce.


Gli investigatori hanno già un quadro limpido sugli autori del raid. Per loro si può profilare un arresto per una lunga serie di reati. Un equipaggio della polizia è rimasto sul posto proprio per prevenire eventuali comportamenti violenti. Non è escluso che si possa procedere anche per sequestro di persona. La polizia sta cercando di capire, infatti, se la giovane abbia lasciato la villa dei Casamonica volontariamente o su costrizione. Anche se in questo caso servirebbe, paradossalmente, una denuncia che non arriverà mai.
Non è la prima volta che le relazioni sentimentali aizzano le faide tra clan seduti allo stesso tavolo di affari criminali. Anche se, fino ad oggi, nessuna era stata così scenicamente cruenta.