Home Agenda vaticana La Visitazione di Rodolfo Papa: domenica la inaugurazione

La Visitazione di Rodolfo Papa: domenica la inaugurazione

146
0

Il giorno 28 FEBBRAIO 2021, nel Pontificio Collegio Missionario
Internazionale San Paolo sarà inaugurata la tela dedicata alla
Visitazione eseguita dal maestro Rodolfo Papa.

La cerimonia avrà luogo in forma privata, in osservanza alle norme
precauzionali contro il contagio da Covid19, ma riveste comunque una
grande importanza culturale e spirituale.

La tela della Visitazione misura cm 260 x 200 e sarà collocata nel
corridoio centrale del Collegio, ai lati della porta della grande
Cappella, occupando lo spazio simmetrico alla tela dedicata ai Santi
Pietro e Paolo del medesimo artista Rodolfo Papa, inaugurata lo scorso
anno con una cerimonia presieduta da Sua Ecc.za Mons. Protase Rugambwa,
segretario della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli.

Il tema della Visitazione è stato scelto da Mons. Remigio Bellizio,
Direttore della Pontificia Fondazione “Domus Missionalis”, il quale ha
affermato: «Ho sempre riflettuto sullo spessore missionario
dell’episodio della Visitazione e sono felice che i sacerdoti che vivono
presso il Collegio San Paolo per completare la loro formazione
accademica, possano meditare sulla figura di Maria come regina e maestra
della missione» .

Il Pontificio Collegio Missionario Internazionale San Paolo Apostolo
accoglie circa 200 sacerdoti prevalentemente africani e asiatici, scelti
dalla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli affinché
completino a Roma la loro formazione presso le Facoltà Pontificie,
secondo le esigenze delle rispettive diocesi. Da molti anni ne è
rettore Padre Lisandro A. Rivas Duran, sacerdote venezuelano della
Congregazione dei Missionari della Consolata, il quale ha affermato:
«È importante curare ogni aspetto della formazione dei sacerdoti,
secondo i quattro pilastri indicati da papa Francesco: preghiera, vita
comunitaria, studio e apostolato, e spero che anche la presenza di opere
di arte sacra possa servire a questo scopo, parlando al cuore e alla
mente dei sacerdoti che qui trascorrono almeno tre anni della loro
vita»

La grande tela, eseguita con la tecnica della pittura a olio su tela, è
stata dipinta da Rodolfo Papa, seguendo lo schema compositivo della tela
gemella dei Santi Pietro e Paolo: infatti in basso è stata dipinta una
predella con scolpiti gli eventi fondamentali della vita di Maria: la
Natività, Maria presso la Croce, la Pentecoste. Nella parte
sovrastante, la scena della Visitazione è dipinta secondo uno schema
molto dinamico: Maria si muove come i missionari per portare Gesù ed
Elisabetta la accoglie, prostrandosi davanti a Lei. Sullo sfondo un
paesaggio naturale, dipinto nella luce del tramonto mentre nel cielo,
proprio sopra il capo di Maria, brilla già la prima stella. Alle spalle
di Elisabetta, nella penombra di una casa, si intravede la figura di
Zaccaria, con in mano la tavoletta per scrivere.

Rodolfo Papa si è ispirato ai grandi modelli di Giotto, Pontormo e
Ghirlandaio, però aggiungendo una sensibilità contemporanea, e uno
slancio missionario. Del resto, Rodolfo Papa ha scritto vari testi
dedicati al valore missionario dell’arte sacra, tra cui La missione
dell’arte secondo papa Francesco (Cantagalli, Siena 2016).

Rodolfo Papa ha dichiarato: «Ho dipinto questa opera pensando a chi
l’avrebbe guardata, ovvero i sacerdoti studenti a Roma, provenienti da
tutto il mondo e ho anche pensato alle parole di papa Francesco sul
ruolo delle donne nella Chiesa. Vorrei che questo mio quadro fosse
strumento di meditazione e di riflessione, e in qualche modo servisse
allo slancio missionario della Chiesa, nutrendone sempre l’entusiasmo,
secondo quanto ci chiede il Pontefice».

Rodolfo Papa, pittore, storico e filosofo dell’arte, è membro ordinario
della Pontificia Accademia dei Virtuosi al Pantheon dal 2000; ha
eseguito numerose opere di arte sacra e cicli pittorici tra cui
ricordiamo la Madonna del Manto per la Basilica dei SS. Fabiano e
Venanzio a Roma, commissionata da don Andrea Santoro poco prima di
partire per la Turchia; il Ciclo dell’Eucaristia per la Cripta della
Cattedrale Nostra Signora di Fatima a Karaganda, in Kazakistan; il Ciclo
delle Virtù e Benedetto XVI alla guida della Chiesa nella Cattedrale di
San Panfilo a Sulmona, in occasione della visita di Benedetto XVI nel
2010; il ciclo dei Santi Carmelitani per il Monastero di Seremban in
Malesia; la Cappella del Perdono nella Chiesa del SS. Sacramento a Tor
de’ Schiavi a Roma, inaugurata pochi mesi fa.

La tela della Visitazione è stata donata dalla Associazione Culturale
Accademia Urbana delle Arti.