Home Prima Pagina Un futuro possibile e nuove opportunità per l’area dell’Accademia della Guardia di...

Un futuro possibile e nuove opportunità per l’area dell’Accademia della Guardia di Finanza di via Croviana all’Infernetto

128
0

L’intenzione di trasferire le attività che ora animano la Caserma Gen. D. “Angelo Dus” – in Via Croviana nel
quartiere romano Infernetto – ha aperto la strada a nuove riflessioni sull’area non ancora oggetto di un
preciso progetto di riutilizzo. La fase di ascolto del territorio sta portando i primi contributi.

La proposta di rigenerazione urbana promossa da Savills Investment Management SGR e progettata dallo
studio di architettura Barreca & La Varra si propone come un’occasione di valorizzazione per via Croviana
all’Infernetto. Il progetto vuole integrare destinazioni d’uso residenziale e servizi utili alla collettività,
cercando di fornire alcune risposte alle esigenze della popolazione locale. Lo scopo è costruire un intervento
partecipato, includendo il più possibile le istanze coerenti degli abitanti e i bisogni della zona. Ed è proprio da
questa fase di ascolto – ancora in corso – che emergono le prime indicazioni.

Il quartiere Infernetto è caratterizzato da una limitata presenza di attività commerciali, servizi, spazi di
aggregazione e di utilità pubblica. Una condizione che rende spesso necessario spostarsi per soddisfare le
esigenze quotidiane. Il quartiere è inoltre soggetto a rischio idrogeologico, a causa delle falde idriche
sotterranee poco profonde o sub-affioranti, a cui si aggiunge un rischio idraulico da allagamenti, causati
dall’esondazione dei canali di bonifica presenti in zona e dalla difficoltà di deflusso e smaltimento delle acque
piovane.

A fronte di queste criticità locali e del prossimo svuotamento della Caserma, l’obiettivo di una nuova iniziativa
deve preservare il territorio da possibili occasioni di abbandono e allo stesso tempo garantire interventi
che possano favorire lo sviluppo dell’area. Il dialogo con cittadini e organizzazioni locali sta facendo
emergere tre grandi richieste: attività per la cultura, aggregazione e lo sport, infrastrutture scolastiche,
iniziative di sviluppo di economia locale.

La realizzazione di spazi adibiti ad attività extrascolastiche, culturali e sportive, rappresenta un’esigenza
forte. La zona è servita da strutture sportive che potrebbero essere aperte a tutti. Inoltre, è percepita la
carenza di aree pubbliche che possano diventare centri di aggregazione e di socialità. Anche la necessità di
potenziare le strutture scolastiche è molto sentita; il territorio esprime il desiderio di un istituto superiore
in grado di accogliere e formare i ragazzi dell’area.

L’idea di una nuova iniziativa progettuale in Via Croviana punta a fare della riprogettazione e rigenerazione
dell’area un’occasione di riqualificazione per l’intero quartiere. Un modo per restituire ai cittadini uno spazio
da vivere, preservando tranquillità, sicurezza e vivibilità.

Unendo prospettive pubbliche e private, un nuovo progetto potrebbe quindi ospitare scuole, attività sportive,
uffici e piccoli esercizi commerciali, nonché nuove residenze per un ingombro volumetrico in linea – non in
rottura – con la superficie ora occupata dalla caserma. In questo modo l’area potrebbe prendere la forma di
uno spazio urbano contemporaneo, vivibile e a misura d’uomo.

Le linee dell’iniziativa sono delineate nella pagina web www.nuovacroviana.it e sul profilo Facebook
www.facebook.com/nuovacroviana.