Home Prima Pagina Riciclacasa, Ama: nel primo semestre 2021 gia’ ritirate gratuitamente a casa dei...

Riciclacasa, Ama: nel primo semestre 2021 gia’ ritirate gratuitamente a casa dei romani 2.100 tonnellate di ingombranti

0

Numeri in costante crescita per ”Riciclacasa”, il servizio mirato gratuito a disposizione dei cittadini romani per la consegna al piano stradale di tutti quei rifiuti di grossa taglia che non devono essere assolutamente smaltiti nei cassonetti o abbandonati su strada. Solo nel primo semestre 2021, a Roma, sono state raccolte gratuitamente a domicilio e avviate a recupero oltre 2.100 tonnellate di materiali ingombranti (+500 rispetto al 2020), attraverso 40mila servizi di prelievo, 10mila in più rispetto all’anno precedente (+25%).

“Riciclacasa si rivela ancora una volta uno strumento nevralgico per la raccolta e il corretto trattamento di questi materiali – sottolinea l’Amministratore Unico di Ama Stefano ZaghisAbbiamo lavorato molto in questi mesi per migliorare un servizio che già registrava numeri significativi. I risultati ci hanno dato ragione con una media di oltre 350 tonnellate ritirate ogni mese, 100 in più rispetto all’anno scorso. Grazie a questo potenziamento, il servizio ha potuto raggiungere un numero ancora più alto di utenze attraverso 40mila “viaggi” (tra i 15 e i 18 giornalieri per ogni equipaggio) quantificabili in oltre 2600 mezzi di raccolta che in 6 mesi hanno percorso la città. Oltre che la parte operativa, abbiamo implementato anche il canale web consentendo ora agli utenti di selezionare autonomamente on line sul sito di AMA i materiali da consegnare e scegliere giorno e orario del ritiro. Ringrazio le strutture aziendali che hanno permesso di raggiungere questi traguardi – conclude Zaghis – e, ovviamente, le famiglie romane per i comportamenti virtuosi e responsabili”.

Focus materiali raccolti

Tra gennaio e giugno di quest’anno sono state prelevate direttamente dalle case dei romani e affidate alle piattaforme di riciclo oltre 1.300 tonnellate (ben 400 in più rispetto al 2020) dei “classici” ingombranti (divani, materassi, armadi), 190 tonnellate di grandi elettrodomestici (frigoriferi e lavatrici), 100 tonnellate di tv e monitor e 600 tonnellate di altri materiali (inerti, legname, materiali ferrosi, ecc.). L’evidente aumento sia dei quantitativi raccolti che dei ritiri effettuati deriva anche dall’implementazione del servizio programmata dall’azienda negli scorsi mesi, che ha consentito di aumentare da 15 a 20 gli equipaggi quotidianamente impiegati sul territorio e di raddoppiare le risorse del call center dedicato.

Quali materiali consegnare

È possibile consegnare tutti i rifiuti ingombranti “tradizionali” quali tavoli, armadi, letti, reti, sedie, divani, porte e librerie. Allo stesso modo, è prevista la raccolta gratuita domiciliare anche per i Raee (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche). Non possono essere invece consegnati i rifiuti “particolari” (indumenti usati, scarpe, borse e accessori di abbigliamento, oli da cottura e simili) e “pericolosi” (come i farmaci scaduti) che vanno smaltiti presso i Centri di raccolta o, per alcuni materiali, negli appositi contenitori stradali (ad esempio, quelli gialli per gli indumenti usati e quelli rossi/gialli per le pile scariche). Il servizio, infine, non contempla il ritiro di materiali bruciati, bagnati o con muffa.

Le modalità

Il servizio “Riciclacasa”, gratuito fino a 2 metri cubi, è fornito su appuntamento e per prenotare basta chiamare lo 060606 o collegarsi sul sito web www.amaroma.it. Al momento della prenotazione, viene richiesto il codice utente riportato in alto a destra nella bolletta della tariffa rifiuti. Grazie ad un’importante novità recentemente introdotta, al momento di prenotare il servizio gratuito sul sito web, adesso è possibile anche selezionare in autonomia i materiali da consegnare, oltre che scegliere giorno e orario del ritiro.

Per smaltire i rifiuti ingombranti, elettronici o particolari i cittadini possono inoltre ricorrere ai Centri di Raccolta aziendali aperti sul territorio. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.amaroma.it.