Regione Lazio, accordo con il Giappone e smacco al Comune sull’Expo

La Regione è reduce una nuova missione nel Paese del Sol Levante: ecco gli obiettivi per il presente e per il futuro. E lo smacco al Comune sull’Expo

Consolidare le relazioni industriali, accademiche e scientifiche e regalare al Lazio un nuovo futuro, grazie al lavoro di oltre 300 imprese, che hanno all’attivo un’ampia gamma di specializzazioni. La Regione punta con forza al settore aerospaziale ed ha realizzato una missione in Giappone per rafforzare gli accordi commerciali e puntare con maggior forza e determinazione allo sviluppo di questo comparto.

La delegazione della Regione Lazio in Giappone per stilare accordi commerciali – Roma.Cityrumors.it

300 imprese, con oltre 23.000 addetti ed un fatturato di circa 5 miliardi di euro, con circa 2 miliardi di export. Un patrimonio di imprenditorialità su cui la Regione continua a puntare gli occhi affiancandolo e supportandolo per vincere le sfide del futuro. Una delegazione regionale si è recata in Giappone, guidata dal Presidente del Consiglio Regionale Antonello Aurigemma“Insieme alla direttrice per l’internazionalizzazione di Lazio Innova, Laura Tassinari, alla consigliera diplomatica del presidente Rocca, Silvia Chiave, alle facoltà di ingegneria aerospaziale di Tor Vergata e della Sapienza, siamo stati in missione in Giappone, dall’11 al 15 dicembre, in occasione della Giornata internazionale dello spazio”, ha raccontato  Aurigemma.

Il rapporto tra Tokio e Roma

Una missione che ha permesso al Lazio di guardare al futuro: “Con noi, hanno partecipato a questa ‘trasferta’ anche numerose aziende, che rappresentano delle vere eccellenze nell’ambito dell’aerospazio, dell’elettronica avanzata, dei satelliti e cybersecurity. L’obiettivo è stato quello di consolidare le relazioni industriali, accademiche e scientifiche con il Giappone. Il viaggio è stato utile e importante per il settore, che ha ricevuto riconoscimenti significativi dalle aziende nipponiche, che vedono partnership strategiche nelle imprese italiane. Abbiamo incontrato il vice governatore di Tokyo, Manabu Miyasaba, per stringere un rapporto di partenariato con le aziende della nostra regione, in vista dell’importante fiera dedicata alle start up e agli ecosistemi delle innovazioni: ‘SusHi Tech Tokyo’, che si svolgerà il prossimo anno. Abbiamo incontrato anche il governo di Osaka, dove si terrà l’Expo nel 2025: una occasione di assoluta rilevanza per creare collaborazioni a livello scientifico e tecnologico”.

In Giappone, continua Aurigemma  “era presente anche l’Agenzia spaziale italiana e quella giapponese: soltanto la nostra regione in questo settore ha quasi 300 imprese occupate. Questo settore già vede un partenariato privato con il Giappone, che è stato rafforzato dall’incontro di inizio anno tra i due premier, italiano e nipponico. Occasioni come queste sono utili per creare e aumentare quelle collaborazioni, tra le aziende del nostro territorio e quelle giapponesi, anche per quanto concerne lo sviluppo industriale, l’innovazione e la ricerca tecnologica, dove le nostre realtà hanno dimostrato grandi competenze e professionalità.

Alla visita, guidata dal Presidente del Consiglio Regionale Antonello Aurigemma, hanno partecipato le piccole e medie imprese del settore aerospaziale e le Università Sapienza e Tor Vergata – Roma.Cityrumors.it

Aurigemma: “Opportunità uniche”

Il presidente del Consiglio regionale conferma che “queste opportunità sono per certi versi uniche per valorizzare e promuovere le nostre qualità, le nostre eccellenze. E come istituzioni, il nostro ruolo è quello di garantire il massimo supporto in questo processo di internazionalizzazione, di sviluppo per le nostre imprese. Eventi come l’expo di Osaka o il SusHi Tech Tokyo sono fondamentali, anche per dare possibilità alle nostre imprese di essere conosciute e di creare relazioni con aziende estere”.

Il Lazio parteciperà all’Expo 2025

Mentre la capitale ha fallito l’obiettivo di realizzare l’Expo 2035, il Lazio sarà presente a quello che Osaka realizzerà nel 2025, con i suoi distretti (aerospazio, agricoltura, biotech, innovazione tecnologica), una vetrina fondamentale per le aziende laziali. “Puntiamo molto su questo eventoconclude il presidente del Consiglio regionale Aurigemma -. Il nostro lavoro sarà quello di portare avanti una giusta azione di sostegno alle nostre aziende, poiché quando un’impresa riesce a creare rapporti con paesi esteri, può generare ricadute positive all’intero settore, al Paese, e nel nostro caso anche alla Regione Lazio. Per questo, ribadisco che la missione in Giappone è stata una esperienza bella, interessante, proficua, ma ora dobbiamo continuare ad affiancare le nostre aziende, nel caso specifico quelle di un settore complesso come l’aerospazio, l’alta tecnologia e l’elettronica. Dobbiamo essere al loro fianco e contribuire allo sviluppo della nostra economia e del tessuto produttivo locale. Inoltre, come istituzioni dobbiamo sempre mantenere alta l’attenzione sui progressi dell’innovazione e della tecnologia, che possono generare effetti propositivi sul comparto, anche per lo sviluppo del nostro paese e della nostra regione”.

Impostazioni privacy