Home Notizie Regione Lazio Bollettino Lazio: 1.120 nuovi contagi: D’Amato preoccupato per il taglio vaccini

Bollettino Lazio: 1.120 nuovi contagi: D’Amato preoccupato per il taglio vaccini

82
0

“Forte preoccupazione per i tagli del 50% comunicati per le consegne di Astrazeneca del 14 aprile – commenta l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato –. Inoltre c’è una differenza di 97.898 dosi che risultano conteggiate nel contatore nazionale ma non effettivamente ricevute”.

Il bollettino di ieri 6 aprile:
su oltre 7 mila tamponi (-1.857) e quasi 5 mila antigenici per un totale di oltre 12 mila test, si registrano 1.120 casi positivi (-299), 43 i decessi (+11) e +727 i guariti. Diminuiscono i casi, mentre aumentano i ricoveri e i decessi. Stabili le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 14%, ma considerando anche gli antigenici la percentuale è al 9%. I casi a Roma città sono a quota 700.

Nella Asl Roma 1 sono 243 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano dieci decessi con patologie.

Nella Asl Roma 2 sono 364 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano nove decessi con patologie.

Nella Asl Roma 3 sono 103 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano quattro decessi con patologie.

Nella Asl Roma 4 sono 12 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi con patologie.

Nella Asl Roma 5 sono 56 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano sei decessi con patologie.

Nella Asl Roma 6 sono 45 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano sette decessi con patologie.