Roma, per sfuggire a un arresto, ingoia ovuli di droga e muore: dramma al Quarticciolo

Per sfuggire a un controllo della Guardia di finanza, il giovane di 27 anni ha deciso di ingerire lo stupefacente, ma quel gesto gli è costato la vita

Episodio drammatico che testimonia come a volte neanche gli stessi spacciatori o i corrieri della droga si rendono conto dei rischi a cui vanno incontro. Un ragazzo di 27 anni è morto fra atroci sofferenze in mezzo alla strada nel popolare quartiere del Quarticciolo, una delle piazze più grandi dello spaccio della Capitale, dopo aver ingoiato dosi di droga, probabilmente crack, per evitare un controllo di una pattuglia della Guardia di Finanza, pattuglia che però si era fermata per altri motivi. La paura di essere “beccato” è risultata comunque decisiva.

Un controllo fatale della GdF – Romacityrumors.it –

 

Con più di sette tonnellate di stupefacenti sequestrate nel 2023, Roma si conferma capitale anche dei fortini dello spaccio, superando Milano, Napoli e Bari. Fiumi di droga, in particolare cocaina, che quando arrivano in Italia vengono smistati ai narcotrafficanti a un prezzo dieci volte superiore. Un grammo di sostanza viene rivenduto a 80 euro.

Una morte assurda

La paura di essere colto in flagrante, ma anche la paura di perdere quel prezioso carico che gli avevano affidato, fatto sta che la semplice vista di una volante della Guardia di Finanza in transito per le vie di uno dei quartieri, piazza principale dello spaccio della Capitale, ha fatto prendere a un ragazzo di 27 anni una decisione che è risultata poi fatale. Marco Di Veglia è morto infatti dopo aver ingoiato alcune dosi di cocaina per sfuggire a un controllo. Il fatto è avvenuto nei giorni scorsi in via Manfredonia, all’angolo con via Ostuni, al Quarticciolo, una delle piazze di spaccio più grandi di Roma. Sul posto è arrivata proprio la guardia di finanza che stava effettuando dei controlli nella zona. Per il giovane sarebbe risultata fatale la rottura degli ovuli di cocaina nello stomaco.

Gli ovuli di cocaina – Romacityrumors.it –

 

Un gesto estremo

Un gesto estremo, ma sconsiderato che gli costa la vita. Passato il controllo, pensa di averla fatta franca, ma pochi istanti dopo cominciano dei dolori lancinanti. Se ne accorge un passante che si trova nei pressi e prova a soccorrerlo, fa appena in tempo a dire che ha ingoiato alcuni ovuli pieni di droga, proprio per nasconderli ai militari delle Fiamme Gialle. Immediatamente arriva il personale del 118 con un’ambulanza, ma le condizioni del 27enne appaiono subito disperate e nonostante un lungo massaggio cardiaco, i paramedici non riescono a salvare la vita del ragazzo. La procura della Repubblica di Roma ha disposto l’autopsia sul corpo del 27enne.

Impostazioni privacy