Home Prima Pagina Colmare un vuoto : la banda clandestina che sistema Roma illegalmente

Colmare un vuoto : la banda clandestina che sistema Roma illegalmente

56
0
GAP LOGO _credit foto to Marta Clinco
fonte The Gardian

Sono le 6 di domenica e le strade del quartiere Ostiense nel sud di Roma sono vuote. La metropolitana è appena stata aperta ei caffè vicini attendono ancora i loro primi clienti.

Sette uomini e donne stanno lavorando sodo, i loro volti sono oscurati da sciarpe e felpe con cappuccio mentre scaricano sacchi di cemento e sabbia da un’auto vicino alla Basilica di San Paolo fuori le mura.

Lo racconta ‘the Gardian‘ quotidiano britannico in un articolo del 10 aprile

Non sono criminali ma Membri dell’organizzazione segreta Gap, nascondono le loro identità perché quello che stanno facendo – aggiustando un marciapiede rotto senza il permesso ufficiale – è tecnicamente illegale.

La manutenzione della città – o la mancanza di essa – è stata a lungo una questione pulsante nella capitale. Ci sono circa 10.000 buche in città – una fonte di frustrazione per molti romani che viaggiano in scooter. Anche la raccolta dei rifiuti è diventata un grosso problema da quando la discarica della città è stata chiusa nel 2013, con periodiche “crisi dei rifiuti” in cui la spazzatura si accumula nelle strade. I casi di autobus che esplodono e il crollo di una scala mobile della metropolitana hanno fatto i titoli internazionali.

I sette riparatori di marciapiedi clandestini fanno parte di una rete di circa 20 attivisti che fanno tranquillamente il lavoro che le autorità cittadine non hanno fatto. Gap è l’acronimo di Gruppi Artigiani Pronto Intervento, (“gruppi di servizi di emergenza artigianali”) ma è anche un omaggio ai partigiani dei Gruppi di Azione Patriottica, che hanno combattuto i fascisti durante la seconda guerra mondiale.

Annuncio pubblicitario

“Abbiamo scelto questo nome perché molti dei nostri genitori o nonni erano partigiani e ci piaceva l’idea di onorarne la memoria”, dice uno degli attivisti, intervistato dai giornalisti inglesi, un architetto cinquantenne che segue lo pseudonimo di Renato. Mentre il Gap dei giorni nostri non rischia la vita, il loro modus operandi è ispirato ai sabotatori della resistenza: identificano un bersaglio, colpiscono e scompaiono invisibili nelle strade della città.

A dicembre hanno riparato la fontana, costruita negli anni ’40, della scuola elementare Principe di Piemonte. A gennaio hanno dipinto un passaggio pedonale su una pericolosa strada principale. Il loro ultimo lavoro è stato in Via Ostiense per il riempimento di una buca che si riempiva regolarmente di acqua quando pioveva.

Lasciano sempre la loro firma, un logo di un martello e un cacciavite, o dipinti con stencil sul terreno o su un pezzo di carta. Lasciano anche dei volantini che esortano i loro compagni romani a seguire il loro esempio: “The Gap sono un’organizzazione segreta – invece di compiere azioni di sabotaggio i gappisti fanno riparazioni laddove la burocrazia fallisce.

Peppe (un altro pseudonimo) è uno dei membri fondatori. Ha avuto l’idea, dice, perché suo figlio va alla scuola elementare con la fontana rotta. Alcuni mesi fa, ricorda, le autorità cittadine sono venute a ripararlo ma hanno solo riparato la pipa e hanno lasciato la struttura nel complesso inutilizzabile. “Così abbiamo deciso di intervenire di notte …”

Peppe dice che Gap deve rompere la legge occasionale. Per riparare la fontana entrarono nella scuola senza permesso e per dipingere il passaggio pedonale bloccarono una strada senza autorizzazione.

“È vero, abbiamo scavalcato il governo locale”, dice Renato. “Ma nel caso della fontana nessun altro avrebbe risolto il problema per almeno due anni, così ci siamo detti: facciamolo e vediamo cosa succede”.

I membri di Gap sostengono che le loro azioni non sono una reazione al governo cittadino della sindaca Virginia Raggi. “Questa situazione è il risultato di molti problemi che si aggiungono nel corso degli anni”, afferma Nadir, un altro attivista e architetto di Gap pseudonimo. “Tutte le parti che hanno governato la città sono responsabili”.

Bus che esplodono, scale mobili che crollano: qual è il problema con il transito di Roma?

“Non è che siamo un gruppo di anarchici”, dice Renato. “Siamo solo persone che vivono qui in questo quartiere dove tutti si conoscono, cerchiamo di migliorare le cose”.

Dopo circa un’ora, il pavimento è fissato e il gruppo lascia il proprio logo inciso nel cemento bagnato. Mentre la strada inizia a riempirsi di gente che va al lavoro o a camminare con i cani, gli attivisti fanno le valigie e vanno via.

“Spero che qualcuno seguirà il nostro esempio”, dice Nadir. “Mi piacerebbe un giorno imparare che i gruppi Gap si sono formati in altre città”.