Home Eventi Presentazione del “Calendario Letterario” presso la Biblioteca Cornelia

Presentazione del “Calendario Letterario” presso la Biblioteca Cornelia

99
0

Venerdì 14 dicembre, alle ore 17.00, la Biblioteca Cornelia ospiterà il reading di presentazione del “Calendario Letterario” con la partecipazione degli autori dei racconti e delle illustrazioni.

Il calendario nasce da un’idea dell’Associazione CorneliaScript, creata da un gruppo di aspiranti scrittori, utenti dei laboratori di scrittura creativa organizzati dalla biblioteca.

“Quando ci è stato proposto il progetto da parte dell’editore Giulio Perrone” – dice Patrizia Usai, Presidente dell’Associazione– “di partecipare ad una raccolta di racconti di 100 parole per un’antologia di 365 racconti, le nostre reazione furono varie.

C’è stato chi si rifiutò subito affermando che le 100 parole erano a mala pena sufficienti per il titolo, chi si chiese come fare ad imbastire un racconto con così poche parole, chi invece accettò la sfida, alla faccia della passione per la narrazione!

È vero che siamo una associazione che si diverte a scrivere…ma cento parole sono proprio poche per una storia leggibile. E così taglia, elimina, restringi, alla data ultima per partecipare alla selezione c’erano dodici racconti pronti da inviare. La sfida era stata raccolta.

Il tempo passava e pensavamo che nemmeno uno fosse stato scelto per l’antologia. Qui ci venne l’idea di dare a quei racconti una seconda opportunità. Cosa farci? Erano solo 12: pochi e cortissimi per giunta. Ma certo… il calendario per il prossimo anno!

Nel frattempo cinque di questi racconti sono stati selezionati per la pubblicazione (“Storie per un anno in cento parole” edizioni L’Erudita-Perrone) ma la nostra idea ormai aveva preso forma, realizzare il calendario per la nostra biblioteca, la Cornelia, proprio dove abbiamo messo a fuoco che potevamo scrivere, dove ci riuniamo per parlare…di racconti ovviamente, quella che ha una sala dedicata a un nostro compagno di scrittura e amico che se ne è andato troppo presto. La biblioteca che di racconti ne ospita a migliaia.”