Home Prima Pagina Ambiens VR: la startup che ripensa l’architettura con la realtà virtuale

Ambiens VR: la startup che ripensa l’architettura con la realtà virtuale

44
0
Ambiens VR

Ambiens VR è la startup a misura di architetto e non solo… Fondata nel 2016 da Ennio Pirolo e Veronica Vecci, la startup Ambiens VR è nata con l’intento di settare nuovamente il mondo dell’architettura e del design attraverso la realtà virtuale. 

Cosa è Ambiens VR?

Avete presente il momento in cui dovete progettare una casa, un appartamento, un loft e non sapete bene da che parte iniziare? Ecco la startup che fa per voi, idee e progetti che prendono vita dalla carta per essere facilmente realizzati mediante realtà virtuale (di seguito VR). Oltre ciò un visore per smartphone, che ora è un vero e proprio must per qualunque settore, permette ai Clienti di proiettarsi nella futura “casa” e vedere se effettivamente le combinazioni di colori o arredi funzionano davvero nella casa: faccio un esempio, capire se il color lime di quel mobile di cui vi siete innamorati si accosta alla cucina open space.

Ambiens VR

Come è nato Ambiens VR?

Ambiens VR è stata fondata nel 2016, dapprima con il percorso di accelerazione promosso da Luiss Enlabs, poi la fortunata campagna di equity crowdfunding sulla piattaforma Mamacrowd che ha portato oltre 220K di finanziamenti. AmbiensVR guarda al futuro con positività e punta col passare del tempo a diventare lo standard nel settore per la distribuzione di elaborati interattivi in VR e non.

Obiettivi per il 2018

Ennio Pirolo per il 2018 ed oltre (speriamo) ha grandi progetti.

Nonostante i 220k già raggiunti sulla piattaforma Mamacrowd, ora viene il difficile della sfida o ancora meglio il bello. Partire bene è sempre un buon presagio, ma una startup ha successo nel momento in cui sviluppa un prodotto, che non sia vendibile solo online. Sperando nel meglio, consigliamo vivamente questa startup rivolta, non solo ai professionisti, ma anche alle persone che hanno voglia di giocare e, non si sa mai, investire in questa idea. 

Silvia Ciampitti